Le vibrisse, ovvero quei simpatici baffetti, sono peli tattili che sono presenti in molti mammiferi, incluso il cavallo domestico.

Vibrisse del cavallo (baffi), a cosa servono?

Le vibrisse sono peli tattili che sono presenti in molti mammiferi, incluso il cavallo domestico.
Le vibrisse, questi simpatici baffetti svolgono un ruolo importante nell’elaborazione delle informazioni sensoriali e le sue funzioni includono la ricerca di cibo, la comunicazione, le interazioni sociali e l’interpretazione dei segnali ambientali come ad esempio la direzione del vento. 
Si è anche scoperto che le vibrisse compensano una visione oculare compromessa.

Non tagliare quei baffi! La scienza dietro le vibrisse equine

È fondamentale ricordare che il follicolo pilifero, da cui nasce la vibrissa, funziona come qualsiasi altro follicolo pilifero, pertanto è essenziale evitare di danneggiarlo. Le vibrisse si differenziano dagli altri peli anche per la loro peculiarità di essere peli sanguigni, ovvero, la loro radice si origina negli strati profondi del derma, a contatto con vasi sanguigni, linfatici, nervi e fibre muscolari. Essi toccano le terminazioni nervose e si appoggiano su una rete vascolarizzata, pertanto, contrariamente ai peli del corpo, le vibrisse agiscono come peli ricettivi piuttosto che protettivi. Se vengono strappate, si può verificare sanguinamento e dolore intenso.


È importante prendersi cura di questi peli responsabili della percezione tattile dell’equino, anche se non si apprezza il loro aspetto. 

Ma qual è lo scopo delle vibrisse dei cavalli?

Le vibrisse, che alcuni considerano inestetiche e che vengono spesso tagliate o ridotte notevolmente, costituiscono un importante organo sensoriale per il cavallo. Tagliarle equivale a rendere il cavallo parzialmente disabile in termini di percezione sensoriale.

 

Alcuni esempi di utilizzo delle vibrisse:



 

 

Giudicare la struttura e la distanza dalle cose

A causa della posizione dei loro occhi, i cavalli non possono vedere sotto la loro bocca e quindi i baffi permettono loro di esplorare e identificare ciò che è sotto il loro naso.

 

 

Selezionare il cibo
I baffi e le labbra lavorano insieme per raccogliere informazioni su cosa mangiare e cosa no. Pertanto, i cavalli senza baffi hanno maggiori probabilità di mangiare erroneamente una pianta velenosa.

 

 

Rilevare la distanza
I baffi vengono utilizzati per rilevare la distanza da una superficie e favorire di conseguenza comportamenti di comfort, come lo sfregamento della testa. Senza questo strumento sensoriale è più probabile che vadano a sbattere contro oggetti e ferirsi accidentalmente viso e occhi.

 

 

Comunicare
I cavalli usano i baffi per comunicare con un amico mentre si puliscono a vicenda. La toelettatura reciproca è vitale per gli equini sia come parte della loro vita sociale che come forma di comunicazione silenziosa. I baffi migliorano il loro senso del tatto e aiutano il cavallo a sentire i muscoli dell’altro cavallo contrarsi e rilassarsi.

 

 

Localizzare i capezzoli
I puledri usano i baffi per localizzare i capezzoli della mamma.

Vibrisse del cavallo, il parere degli esperti

“Il muso è un'area che sembra altamente tattile nei cavalli. I baffi (vibrisse) del muso del cavallo hanno radici profonde e irrorate di sangue, la loro radice ha origine negli strati profondi del derma, a contatto con vasi sanguigni e linfatici, nervi e fibre muscolari  che ne amplificano il movimento. Aiutano i puledri a trovare il capezzolo e i cavalli adulti a sentire le strutture che circondano il punto cieco all'estremità del naso. È del tutto appropriato che i paesi vietino la pratica del taglio dei baffi. Dal punto di vista etico, modificare questa struttura sensoriale alla ricerca dell'estetica umana è molto difficile da difendere”.

“La prima cosa che fa un cavallo selvaggio quando osa avvicinarsi a te è esaminare minuziosamente ed esaustivamente i contorni del tuo viso con i suoi baffi, per conoscerti. Come gli occhi, le orecchie e il naso, i baffi di un cavallo sono organi di senso, raccoglitori di informazioni. Avvertono che le labbra sensibili sono vicine a una superficie e ne valutano la forma, la consistenza e la flessibilità, consentendo al cavallo di apprendere cosa c'è sotto il suo naso in modo sicuro e delicato. Non possiamo nemmeno immaginare cos'altro facciano: sentire il movimento dell'aria o le formiche nel mangime, trovare dove strofinare il muso o svolgere un ruolo significativo nel contatto naso-nasale, per esempio. Ma possiamo immaginare che essere privati di un organo di senso equivalga a una mutilazione”.

"Se ci preoccupiamo sinceramente per i cavalli, dobbiamo andare oltre la nostra visione antropocentrica di come dovrebbero essere gli animali. I baffi sono lì per un motivo e dovrebbero essere lasciati lì, se vogliamo aiutare i cavalli ad avere il maggior senso possibile del mondo che li circonda”.

“Il muso di un cavallo è la cosa più vicina alla mano umana in termini di terminazioni nervose e destrezza. Hanno un labbro superiore molto mobile che consente loro di manipolare oggetti e usano i baffi per "sentire". Quando rimuovi i baffi del tuo cavallo rimuovi parte di questo apparato molto importante - evita di farlo!"

“Come animali da preda, i cavalli fanno affidamento su tutti i loro sensi per aiutarli a decidere cosa è sicuro e cosa no per sopravvivere ed evitare lesioni. La rimozione dei baffi impedisce al cavallo di valutare completamente qualcosa che potrebbe compromettere la sua sicurezza e quindi può contribuire a far sì che il cavallo risponda in modo inappropriato agli stimoli.”

“Il cavallo ha baffi - o vibrisse - per aiutarlo a navigare nel suo mondo. Sono organi sensoriali super sensibili e multifunzionali con nervi fitti alla radice che inviano messaggi sensoriali al cervello del cavallo.  Questi baffi sono così sensibili alle vibrazioni e ai cambiamenti della corrente d'aria che possono informare istantaneamente il cavallo sul suo ambiente, ad esempio aiutandolo a evitare lesioni rilevando oggetti vicini, differenziando tra diverse trame, giudicando la direzione del vento e identificando il cibo. Il cavallo ha un punto cieco sotto il muso e quindi i suoi baffi sono un aiuto vitale per la sua vista. Dal punto di vista del cavallo, rimuovere questi baffi riduce la sua consapevolezza spaziale e lo lascia parzialmente handicappato. Noi nel Regno Unito siamo molto arretrati in molti aspetti del benessere dei cavalli ed è tempo per noi di metterci al passo con Svizzera e Germania e vietare il pareggio dei baffi".

Le vibrisse del cavallo, sebbene possano sembrare semplici peli, sono in realtà un organo importante e complesso. Sono sensibili al tatto e aiutano il cavallo a percepire il mondo intorno a lui. Per questo motivo, è importante rispettare e proteggerle, poiché rimuoverle potrebbe compromettere la loro capacità di interagire con l’ambiente circostante. Scopri di più sulla bocca del cavallo.

 

 

Come in ogni altro aspetto della natura, ogni cosa ha la sua importanza e le vibrisse non fanno eccezione. È importante trattarle con cura e rispetto per garantire il benessere del cavallo.

Condividi:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
On Focus

Articoli recenti

Cavallo che dorme in fare REM

Come dormono i cavalli?

Il sonno è una parte vitale della vita di tutti gli esseri viventi e i cavalli non fanno eccezione. Queste magnifiche creature hanno un rapporto unico con il sonno, influenzato da diversi fattori come l’ambiente, lo stato di salute e il loro stato mentale. In questo articolo, esploreremo i diversi aspetti del sonno equino, dalla sua struttura alla sua importanza per il benessere generale dei cavalli. Gli equini dormono dalle quattro alle sette ore al giorno. Il sonno si suddivide in tre fasi…

Le briglie senza imboccatura stanno guadagnando sempre più popolarità, poiché molti cavalieri sono convinti che siano migliori per il benessere del cavallo. Tuttavia, è davvero così?

Con o senza imboccatura?

Le briglie senza imboccatura stanno guadagnando sempre più popolarità, poiché molti cavalieri sono convinti che siano migliori per il benessere del cavallo. Tuttavia, è davvero così?

I cavalli con imboccatura sono onnipresenti nella nostra vita quotidiana, e quindi non sorprende che consideriamo normale il loro utilizzo. Nel corso del tempo sono stati svolti diversi studi…

18 fallacie logiche cruciali per un dibattito sano

18 Fallacie Logiche Cruciali per un Dibattito Sano

Il mondo equino è pieno di luoghi comuni, falsi miti e falsi esperti che utilizzano, consapevolmente o inconsapevolmente, le fallacie logiche. Le fallacie logiche sono forme di ragionamento, espressioni e atteggiamenti che ostacolano una discussione chiara, veritiera e…